La Donazione

PERCHÉ DONARE

Il bisogno di sangue e dei suoi componenti è in costante aumento a causa dell’invecchiamento della popolazione e di cure sempre più numerose e nuove. Il sangue è indispensabile per moltissime terapie e non solo nelle situazioni di emergenza. Non puoi sapere a chi doni il tuo sangue, ma sappi che la tua donazione è destinata a molti tipi di malati, a quelli oncologici e alle persone che hanno emorragie importanti per traumi, interventi chirurgici, tra cui i trapianti, o durante il parto.

Il sangue ha una struttura troppo complessa per essere riprodotto, si può solo donare.

 

 

CHI PUÒ DONARE

Requisiti richiesti

- Età: 18-60 anni (per candidarsi a diventare donatori). Chiunque desideri donare per la prima volta dopo i 60 anni può essere accettato a discrezione del medico responsabile della selezione.
- Peso: Non inferiore ai 50 kg.
- Stato di salute: Buono.
- Stile di vita: Nessun comportamento a rischio che possa compromettere la nostra salute e/o quella di chi riceve il nostro sangue.

 

Principali criteri di sospensione dalla donazione:

  1. 4 mesi: dopo piercing, tatuaggi, rapporti sessuali a rischio non reiterati (occasionali, promiscui), interventi chirurgici maggiori, agopuntura, endoscopie (es. gastroscopia, colonscopia).
  2. 6-12 mesi: dopo il rientro da viaggi in zone dove esiste il rischio di contrarre malattie infettive tropicali.
  3. 6 mesi: dopo il parto.
  4. Periodi differenti: per vaccinazioni, patologie infettive, assunzione di medicine.
  5. Esclusione permanente: positività per test HIV, epatite B e C, malattie croniche.

 

 

LA DONAZIONE

 

Tipi di donazione

La donazione più comune è quella di sangue intero ma è possibile anche donare separatamente singole componenti del sangue (plasma, piastrine, globuli rossi, globuli bianchi) mediante il procedimento delle aferesi.

Per maggiori informazioni consultate questa pagina:

https://www.avis.it/donazione/i-tipi-di-donazione/

 

Il giorno della donazione.

E’ preferibile presentarsi dopo una colazione leggera, a base di frutta, caffè o thè, evitando latte e cibi pesanti. Prima della donazione si ha un colloquio con personale medico per accertare che il candidato donatore abbia i requisiti per effettuare la donazione e per stabilire il tipo di donazione più indicata: sangue intero o emocomponenti.

 

Quanto dura.

Il prelievo di sangue intero dura all’incirca 10-15 minuti e il prelevato oscilla tra i 450 ml +/-10%
Ad ogni donazione saranno effettuati specifici esami del sangue.

 

Il ristoro.

Al termine della donazione, il donatore è invitato a consumare una piacevole colazione presso l’area ristoro del centro raccolta.

 

Intervalli minimi tra una donazione e l'altra

L'intervallo minimo tra una donazione di sangue intero e l'altra è di 90 giorni.
Di norma, quindi, gli uomini possono donare sangue intero 4 volte l'anno, mentre le donne 2 volte l'anno.

Le donne non possono donare sangue durante le mestruazioni o la gravidanza, e per un anno dopo il parto.

 

Ai lavoratori dipendenti è riconosciuta una giornata di riposo retribuita

 

Per informazioni più dettagliate potete visitare il sito www.avis.it